La Nutrifor in collaborazione con MètaDieta:

Formazione Gratuita on line sul Software ed agevolazioni particolari ai Diplomati Nutrifor

CALENDARIO MASTER

Calendario Master Nutrifor

NEWSLETTER
NUTRIPOINT

CourseForMe

Español(Spanish Formal International)

PostHeaderIcon Prof. Dott. Giovanni Scapagnini


POSIZIONE ATTUALE:

Professore Associato di Biochimica Clinica

(settore scientifico disciplinare BIO-12)

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi del Molise


STUDI:

1992: Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Catania (110 /110 lode). Tesi sperimentale dal titolo: “Modelli eziopatogenetici e terapia sperimentale della demenza di Alzheimer”. Proposta per il premio Barbagallo

1992: Abilitazione alla pratica Medica (200/200)

2001: Dottorato in Neurobiologia - Università di Catania/Roma/Pavia. Tesi sperimentale dal titolo: “Interazione tra Neuroni, Astrociti e Microglia nei processi di Neurodegenerazione: Ruolo della Ossido Nitrico Sintasi inducibile (iNOS)”


ESPERIENZE LAVORATIVE ACCADEMICHE:

1991 – 1998: Medico Interno presso l’Istituto di Biochimica, Facoltà di Medicina, Università di Catania

1993: Supera l’esame di ammissione alla scuola di specializzazione in Farmacologia, presso l’Istituto di Farmacologia, Facoltà di Medicina, Università di Messina.

1998 - 1999: Research fellow, Istituto Neurologico Mediterraneo (NEUROMED) I.R.C.C.S., Department of Molecular Biology, Isernia, Italy

1999 – 2000: Research fellow, Department of Surgical Research Northwick Park Institute for Medical Research Harrow, Middlesex, United Kingdom

2000: Visiting Scientist, Laboratory of Adaptive Systems, National Institute of Neurological Disorders and Stroke,National Institutes of the Health, Bethesda MD

2000 - 2002: Ricercatore a contratto, Istituto di Farmacologia, Dipartimento di Farmacologia Sperimentale e Clinica, Università di Catania.

2000 - 2002: Assegno di ricerca biennale settore scientifico-disciplinare: E07X Farmacologia sul tema : “Effetti del resveratrolo in modelli sperimentali di Patologie oculari correlate a fenomeni ossidativi”

2001-2003: Research Assistant Professor, Blanchette Rockefeller Neurosciences Institute, West Virginia University at Johns Hopkins University, Rockville, MD

2003-2006: Ricercatore di ruolo, III livello professionale, Istituto di Scienze Neurologiche, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Catania

2006 a oggi: Professore Associato di Biochimica Clinica, (settore didattico disciplinare BIO-12) Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi del Molise

2003 a oggi: Visiting Professor, New York Medical College, Walalla NY (USA), Department of Pharmacology. Research Project: “The role of heat shock signal and heme oxygenase on neuroprotection”

2004 a oggi: Visiting Professor, Blanchette Rockefeller Neurosciences Institute, West Virginia University at Johns Hopkins University, Rockville, MD (USA) Research Project: “Neuroprotective effects of natural polyphenolic compounds”

2004 a oggi: Visiting Professor, Institute of Human Virology, University of Maryland, Baltimore, MD (USA) Research Project: “HIV Dementia: novel pharmacological targets”

2008 a oggi: Delegato del Rettore per la Ricerca dell’Università degli Studi del Molise


PARTECIPAZIONE AD ALBI PROFESSIONALI, SOCIETA' E COMITATI SCIENTIFICI:

1997 a oggi: Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Catania. N° 11497

2000 a oggi: Iscritto alla “American Society for Neuroscience”

2003 a oggi: Segretario Scientifico della fondazione ONLUS “Ricerca e Progresso ” presieduta dal Prof. Robert Gallo (Premio Nobel)

2003 a oggi: Membro del Board Scientifico dell’ “American Academy of Anti-Aging Medicine”

2006 a oggi: Segretario Scientifico e Socio Fondatore della Società Scientifica CLIMAA – Conferenza sulla Longevità e sulla Medicina Anti-Aging, presieduta dal Prof. Gianni Micali

2009 a oggi: Membro del Direttivo e Socio Fondatore della Società Scientifica SINUT – Società Italiana di Nutraceutica presieduta dal Prof. Cesare Sirtori


PRINCIPALI LINEE DI RICERCA:

I temi di ricerca e di studio affrontati dal prof. Scapagnini nel periodo 1992/2008 si possono brevemente riassumere come segue:

  • Polifenoli antiossidanti e meccanismi molecolari della resistenza cellulare allo stress
  • Profili di espressione genica e identificazione di marker diagnostici nella malattia di Alzheimer
  • Il sistema dell’eme ossigenasi e la sua funzione nella risposta cellulare allo stress
  • Meccanismi di regolazione delle heat shock proteins nell’invecchiamento tissutale e nei disordini degenerativi
  • Meccanismi di controllo posttrascrizionale di geni inducibili coinvolti nei meccanismi di sopravvivenza cellulare


PUBBLICAZIONI SU RIVISTE SCIENTIFICHE INTERNAZIONALI:

1. Calabrese V, Scapagnini G, Randazzo SD, Randazzo G, Catalano C, Geraci, Morganti P (1999) Oxidative stress and antioxidants at skin biosurface: a novel antioxidant from lemon oil capable of inhibiting oxidative damage to the skin. Drugs Exptl. Clin. Res.; XXV (6) 281-287.

2. Calabrese V, Scapagnini G, Catalano C, Dinotta F, Geraci D, Morganti P (2000) Biochemical studies of a natural antioxidant isolated from rosemary and its application in cosmetic dermatology. Int J Tissue React;22 (1): 5-13

3. Scapagnini G, Di Notta F, Calabrese V (2000) Oxidative stress and neurodegenerative disorders: the role of vitamin E in nutritional neuroscience. Dermatologia, ed. Italiana di international journal of immonopathology and pharmacology vol 1 (3)

4. Calabrese, V., Scapagnini, G., Catalano, D., Dinotta, F., Bates, T.E., Calvani, M., Giuffrida Stella A.M. (2001). Effects of acetyl-l-carnitine on the formation of fatty acid ethyl esters in brain and peripheral organs after short-term ethanol administration in rat. Neurochemical Res.;26(2):167-74

5. Calabrese V, Scapagnini G, Catalano C, Bates TE, Geraci D, Pennisi G, Giuffrida Stella AM.(2001) Regulation of heat shock protein synthesis in human skin fibroblasts in response to oxidative stress: role of vitamin E. Int J Tissue React;23(4):127-35

6. Calabrese V, Scapagnini G, Giuffrida Stella AM, Bates TE, Clark JB. (2001) Mitochondrial involvement in brain function and dysfunction: relevance to aging, neurodegenerative disorders and longevity. Neurochem Res Jun;26(6):739-64

7. Calabrese V, Scapagnini G, Catalano C, Bates TE, Dinotta F, Micali G, Giuffrida Stella AM. (2001) Induction of heat shock protein synthesis in human skin fibroblasts in response to oxidative stress: regulation by a natural antioxidant from rosemary extract. Int J Tissue React;23(2):51-8

8. Scapagnini G, D’Agata V, Calabrese V, Pascale A, Colombrita C, Alkon DL, Cavallaro S. (2002) Gene expression profiles of heme oxygenase isoforms in the rat brain Brain Res. 954(1): 31-39

9. Butterfield DA, Castegna A, Drake J, Scapagnini G, Calabrese V. (2002) Vitamin E and neurodegenerative disorders associated with oxidative stress Nutr Neurosci Sep;5(4):229-39

10. Butterfield D, Castegna A, Pocernich C, Drake J, Scapagnini G, Calabrese V. (2002) Nutritional approaches to combat oxidative stress in Alzheimer's disease J Nutr Biochem Aug;13(8):444

11. Calabrese V, Scapagnini G, Ravagna A, Giuffrida Stella AM, Butterfield DA (2002) Molecular chaperones and their roles in neural cell differentiation. Dev Neurosci;24(1):1-13

12. D'Agata V, Zhao W, Pascale A, Zohar O, Scapagnini G, Cavallaro S. (2002) Distribution of parkin in the adult rat brain Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry Apr;26(3):519-27

13. Calabrese V, Scapagnini G, Ravagna A, Fariello RG, Giuffrida Stella AM, Abraham NG. (2002) Regional distribution of heme oxygenase, HSP70, and glutathione in brain: relevance for endogenous oxidant/antioxidant balance and stress tolerance J Neurosci Res Apr 1;68(1):65-7

14. Scapagnini G, Foresti R, Calabrese V, Giuffrida Stella AM, Green CJ, Motterlini R. (2002) Caffeic acid phenethyl ester and curcumin: a novel class of heme oxygenase-1 inducers. Mol Pharmacol Mar;61(3):554-61

15.Calabrese V, Scapagnini G, Ravagna A, Bella R, Foresti R, Bates TE, Giuffrida Stella AM, Pennisi G. (2002) Nitric oxide synthase is present in the cerebrospinal fluid of patients with active multiple sclerosis and is associated with increases in cerebrospinal fluid protein nitrotyrosine and S-nitrosothiols and with changes in glutathione levels. J Neurosci Res;70(4):580-7

16. Scapagnini G, Ravagna A, Bella R, Colombrita C, Pennisi G, Calvani M, Alkon D, Calabrese V. (2002) Long-term ethanol administration enhances age-dependent modulation of redox state in brain and peripheral organs of rat: protection by acetyl carnitine. Int J Tissue React.;24(3):89-96

17. Calabrese V, Scapagnini G, Latteri S, Colombrita C, Ravagna A, Catalano C, Pennisi G, Calvani M, Butterfield DA. (2002) Long-term ethanol administration enhances age-dependent modulation of redox state in different brain regions in the rat: protection by acetyl carnitine. Int J Tissue React.;24(3):97-104

18. Colombrita C, Calabrese V, Giuffrida Stella AM, Mattei F, Alkon DL, Scapagnini G. (2003) Regional rat brain distribution of heme oxygenase-1 and manganese superoxide dismutase mRNA: relevance of redox homeostasis in the aging processes. Exp Biol Med (Maywood);228(5):517-24

19. Colombrita C, Lombardo G, Scapagnini G, Abraham NG. (2003) Heme oxygenase-1 expression levels are cell cycle dependent. Biochem Biophys Res Commun;308(4):1001-8.

20. Abraham NG, Scapagnini G, Kappas A. (2003) Human heme oxygenase: Cell cycle-dependent expression and DNA microarray identification of multiple gene responses after transduction of endothelial cells. J Cell Biochem; 90:1098-1111.

21. Calabrese V, Scapagnini G, Ravagna A, Bella R, Butterfield DA, Calvani M, Pennisi G, Giuffrida Stella AM. (2003) Disruption of thiol homeostasis and nitrosative stress in the cerebrospinal fluid of patients with active multiple sclerosis: evidence for a protective role of acetylcarnitine. Neurochem Res. 28:1321-1328.

22. Calabrese V, Scapagnini G, Colombrita C, Ravagna A, Pennisi G, Giuffrida Stella AM, Galli F, Butterfield DA (2003) Redox regulation of heat shock protein expression in aging and neurodegenerative disorders associated with oxidative stress: A nutritional approach. Amino Acids; 25: 437–444

23. Quattrone S, Chiappini L, Scapagnini G, Bigazzi B, Bani D. (2004) Relaxin potentiates the expression of inducible nitric oxide synthase by endothelial cells from human umbilical vein in in vitro culture. Mol Hum Reprod.10(5):325-30.

24. Calabrese V, Scapagnini G, Ravagna A, Colombrita C, Spadaro F, Butterfield DA, Giuffrida Stella AM. (2004) Increased expression of heat shock proteins in rat brain during aging: relationship with mitochondrial function and glutathione redox state. Mech Ageing Dev. 125(4):325-35.

25. Poon HF, Calabrese V, Scapagnini G, Butterfield DA. (2004) Free radicals: key to brain aging and heme oxygenase as a cellular response to oxidative stress. J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 59(5):478-93.

26. Poon HF, Calabrese V, Scapagnini G, Butterfield DA. (2004) Free radicals and brain aging. Clin Geriatr Med. 20(2):329-59

27. Calabrese V, Boyd-Kimball D, Scapagnini G, Butterfield DA. (2004) Nitric oxide and cellular stress response in brain aging and neurodegenerative disorders: the role of vitagenes. In Vivo.18(3):245-67.

28. Scapagnini G, Butterfield DA, Colombrita C, Sultana R, Pascale A, Calabrese V. (2004) Ethyl ferulate, a lipophilic polyphenol, induces HO-1 and protects rat neurons against oxidative stress. Antioxid Redox Signal. 6(5):811-8.

29. Calabrese V, Stella AM, Butterfield DA, Scapagnini G. (2004) Redox regulation in neurodegeneration and longevity: role of the heme oxygenase and HSP70 systems in brain stress tolerance. Antioxid Redox Signal.6(5):895-913.

30. Cini G, Neri B, Pacini A, Cesati V, Sassoli C, Quattrone S, D’Apolito M, Fazio A, Scapagnini G, Provenzali A, Quattrone A (2005) Antiproliferative activity of melatonin by transcriptional inhibition of cyclin D1 expression: a molecular basis for melatonin-induced oncostatic effects. J Pineal Res. 39(1):12-20.

31. Calabrese V, Ravagna A, Colombrita C, Scapagnini G, Guagliano E, Calvani M, Butterfield DA, Giuffrida Stella AM. (2005) Acetylcarnitine induces heme oxygenase in rat astrocytes and protects against oxidative stress: Involvement of the transcription factor Nrf2. J Neurosci Res. 79(4):509-21.

32. Sacerdoti D, Olszanecki R, Li Volti G, Colombrita C, Scapagnini G, Abraham NG (2005) Heme Oxygenase Overexpression Attenuates Glucose-Mediated Oxidative Stress in Quiescent Cell Phase: Linking Heme to Hyperglycemia Complication. Curr. Neurovasc Res. 2(2):103-111

33. Li Volti GL, Sacerdoti D, Sangras B, Vanella A, Mezentsev A, Scapagnini G, Falck JR, Abraham NG. (2005) Carbon monoxide signaling in promoting angiogenesis in human microvessel endothelial cells. Antioxid Redox Signal. 7(5-6):704-10.

34. Calabrese V, Lodi R, Tonon C, D'Agata V, Sapienza M, Scapagnini G, Mangiameli A, Pennisi G, Stella AM, Butterfield DA (2005) Oxidative stress, mitochondrial dysfunction and cellular stress response in Friedreich's ataxia. J Neurol Sci. 233(1-2):145-62.

35. Sacerdoti D, Colombrita C, Ghattas MH, Ismaeil EF, Scapagnini G, Bolognesi M, Li Volti G, Abraham NG. (2005)Heme oxygenase-1 transduction in endothelial cells causes downregulation of monocyte chemoattractant protein-1 and of genes involved in inflammation and growth. Cell Mol Biol (Noisy-le-grand). 51(4):363-70.

36. Calabrese V, Colombrita C, Guagliano E, Sapienza M, Ravagna A, Cardile V, Scapagnini G, Santoro AM, Mangiameli A, Butterfield DA, Giuffrida Stella AM, Rizzarelli E. (2005)Protective effect of carnosine during nitrosative stress in astroglial cell cultures. Neurochem Res. 30(6-7):797-807.

37. Pascale A, Amadio M, Scapagnini G, Lanni C, Racchi M, Provenzani A, Govoni S, Alkon DL, Quattrone A. (2005) Neuronal ELAV proteins enhance mRNA stability by a PKCalpha-dependent pathway. Proc Natl Acad Sci U S A. 102(34):12065-70.

38. Scapagnini G, Colombrita C, Amadio M, D'Agata V, Arcelli E, Sapienza M, Quattrone A, Calabrese V. (2006) Curcumin activates defensive genes and protects neurons against oxidative stress. Antioxid Redox Signal. 8(3-4):395-403.

39. Calabrese V, Colombrita C, Sultana R, Scapagnini G, Calvani M, Butterfield DA, Stella AM. (2006) Redox modulation of heat shock protein expression by acetylcarnitine in aging brain: relationship to antioxidant status and mitochondrial function. Antioxid Redox Signal. 8(3-4):404-16.

40. Calabrese V, Butterfield DA, Scapagnini G, Stella AM, Maines MD. (2006) Redox regulation of heat shock protein expression by signaling involving nitric oxide and carbon monoxide: relevance to brain aging, neurodegenerative disorders, and longevity. Antioxid Redox Signal. 8(3-4):444-77.

41. Mancuso C, Scapagnini G, Curro D, Giuffrida Stella AM, De Marco C,  Butterfield DA, Calabrese V. (2007) Mitochondrial dysfunction, free radical generation and cellular stress response in neurodegenerative disorders. Front Biosci. 12:1107-23.

42. Amadio M, Scapagnini G, Lupo G, Drago F, Govoni S, Pascale A. (2008) PKCbetaII/HuR/VEGF: A new molecular cascade in retinal pericytes for the regulation of VEGF gene expression. Pharmacol Res. 57(1):60-6.

43. Micale V, Scapagnini G, Colombrita C, Mazzola C, Alkon DL, Drago F. (2008). Behavioral effects of dietary cholesterol in rats tested in experimental models of mild stress and cognition tasks. Eur Neuropsychopharmacol. 18(6):462-71.

44. Calabrese V, Signorile A, Cornelius C, Mancuso C, Scapagnini G, Ventimiglia B, Ragusa N, Dinkova-Kostova A. (2008) Practical approaches to investigate redox regulation of heat shock protein expression and intracellular glutathione redox state. Methods Enzymol. 441:83-110.

45. Racchi M, Uberti D, Govoni S, Memo M, Lanni C, Vasto S, Candore G, Caruso C, Romeo L, Scapagnini G. (2008) Alzheimer's disease;new diagnostic and therapeutic tools. Immun Ageing. 5(1):7.

46. Scapagnini G, Amadio M, Laforenza U, Intrieri M, Romeo L, Govoni S, Pascale A (2008). Post-transcriptional regulation of HSP70 expression following oxidative stress in SH-SY5Y cells: the potential involvement of the RNA-binding protein HuR. Curr Pharm Des. 14(26):2651-8.


CAPITOLI E COMMENTI AD ARTICOLI:

  • Scapagnini G, Giuffrida Stella AM, Abraham NG, Alkon DL, Calabrese V. (2002) Differential expression of heme oxygenase-1 in rat brain by endotoxin (LPS) in “Heme oxygenase in biology and medicine” Kluwer Academic/Plenum Pub. NY, 10:121-34;

  1. Sima AAF, Amato A, Calvani M, Fiskum G, Scapagnini G (2003) Diabetic neuropathy and oxidative stress. J Clinic Invest; letter to the editor commentaries: Feldman E, 111: 431-433;
  1. Scapagnini G, Nelson T, Alkon DL (2003) Regulation of Ca2+ stores in glial cells. In “Non-Neuronal Cells of the Nrrvous System: Function and Dysfunction” Adv in Mol Cell Biol;31:635-61. Elsevier Pub Amsterdam.;
  1. Tedeschi A, Pappalardo S, Longo V, Scapagnini G, Micali G (2006) Fattori nutrizionali. In “Il ringiovanimento del volto” UTET S.p.A. Torino, 231-236


BREVETTI:

  1. Scapagnini G, Cavazza C. Use of acyl L-carnitine gamma-hydroxybutyrate for the treatment of alcoholism. European Patent Number: EP0616805 Publication date: 1994-09-28

Scapagnini G, Cavazza C. Use of acyl L-carnitine gamma-hydroxybutyrate for the manufacture of a medicamentfor the treatment of drug addiction. European Patent Number: EP0630648 Publication date: 1994-12-28

Bizzini B, Scapagnini G, Volpato I, Donadelli M. Chemically derivatized non-digestible and/or non-absorbable biopolymers as competitive antagonists of intestinal absorption of nutrients. Patent Number: EP1064858 Publication date: 2001-01-03

Bizzini B, Scapagnini G, Volpato I, Magara M, Veneroni F, Volpato L. Oligosaccharide metabolites of glycosaminoglycans and thei use in the diagnosis and treatment of complications of diabetes. World Patent Number: WO0104632 Publication date: 2001-01-18

Scapagnini G, Calabrese V, Motterlini M, Colombrita C, Alkon DL. Use of curcumin derivatives or CAPE in the manufacture of a medicament for the treatment of neuroprotective disorders. WO 2004/075883 A1 Publication date: 2004-09-10

Scapagnini G, Calabrese V, Motterlini M, Colombrita C, Alkon DL. Use of curcumin derivatives or CAPE in the manufacture of a medicament for the treatment of neuroprotective disorders. WO 2004/075883 A1 Publication date: 2004-09-10

 
NEWS ISTITUZIONALI

ULTIME NOTIZIE
Previous Succ.
Riassunto master brevi effettuati durante l’anno

Il 2014 si conclude con due nuovi successi per la Nutrifor. Si sono tenuti a Milano  due master brevi di approfondimento che hanno riscontrato un grande interesse di pubblico.

Entrambi incentrati su alimentazione e nutrizione, il primo si è occupato di “alimentazione e nutrizione nello sport" ed il secondo di "alimentazione e nutrizione in età pediatrica”.

Durante due intense giornate di lezioni gli argomenti trattati sono stati vari e di approfondimento. La formula full immersion e week end d’altronde regala sempre ottime soddisfazioni.

Coordinati dal Dott. Prof. Fabio Galvano e dal Dott. Prof. Giovanni Scapagnini  le edizioni  milanesi sono state momenti di incontro professionale e qualificato.

Alimentazione e nutrizione nello sport e alimentazione e nutrizione in età pediatrica. Gli argomenti di questi due master brevi in nutrizione sono stati rivolti agli sport di maggior successo in Italia: primi fra tutti calcio e pallavolo, ma anche nuoto, basket e ciclismo. Piuttosto interessanti anche le informazioni in merito ai fabbisogni nutrizionali in età pediatrica, argomento che interessa sempre più mamme e specialisti.

I professionisti che hanno frequentato i master brevi hanno avuto la possibilità di affrontare argomenti d’attualità e di approfondire le proprie conoscenze in maniera tale da proporsi sul mercato del lavoro con qualifiche sempre maggiori.

Cibo e psiche, come il cibo influenza il nostro umore

Chi è alla virtuosa ricerca della felicità da anni forse già lo saprà: in larga misura il livello di gioia è in connessione stretta con ciò che si mangia. Il nostro umore, ma soprattutto il nostro benessere psicologico ha molto a che fare con l’alimentazione e visto che sono sufficienti poche attenzioni, facili da seguire per sfoggiare un meraviglioso sorriso, perché non metterle in pratica fin da subito?

Il sorriso a tavola. Sono i composti contenuti negli alimenti in grado di risvegliare il buon umore. Tutti sanno che la cioccolata può elevare i livelli di serotonina, in grado di fare di una giornata una buona giornata, ma in linea di massima tutti i cibi che ci fanno venir l’acquolina in bocca sanno farci sorridere. Tutto merito delle endorfine rilasciate dal cervello nel momento in cui questi cibi vengono ingeriti regalando un immediato senso di benessere.

Dieta equilibrata. Se alcuni alimenti sono in grado di regalarci un sorriso, l’assenza di altri potrebbe compromettere buonumore e benessere. Pare accertato che la carenza di ferro possa indebolire l’umore e una carenza di folati negli anziani possa essere la causa dell’insorgere della depressione.

Sempre in tavola. Non devono mancare mai frutta, verdura e legumi insieme con i cereali, meglio se integrali. Il consiglio è che ogni giorno compongano almeno i tre quarti degli alimenti che faranno parte della propria tavola. 

No alla depressione. È  possibile combatterla anche e soprattutto a tavola inserendo nella propria dieta una buona quantità di pesce (rifornitore preferenziale di omega3 e acidi grassi), con l’aggiunta di noci e semi di lino. Sembra aiutino a combattere la depressione anche alimenti con alto contenuto di vitamina: fragole, arance, kiwi, peperoni e cavoli, coloratissimi e deliziosi.

Seguire un master in nutrizione umana potrebbe essere una aiuto sostanziale per chi desidera conoscere meglio i segreti della buona tavola.

Diete vegetariane e vegane: i pro e i contro

Alcuni prendono la decisione di passare ad una dieta vegetariana o vegana per questioni morali, altri per questioni di salute; qualunque sia la motivazione i dati sono chiari: un numero sempre crescente di persone saluta la carne per abbracciare il mondo dei cereali, della frutta e della verdura.

Si tratta di diete che se ben bilanciate offrono una quantità di benefici all’organismo del tutto invidiabili, e che alleggeriscono il carico che pesa sulle spalle del nostro pianeta. Produzioni esagerate di carne costituiscono infatti un consumo notevole di acqua e di energia.

I vantaggi delle diete vegetariane e vegane

Sono numerosi e di importanza vitale per il nostro organismo.

Il cancro. Studi recenti legano sempre più strettamente la prevenzione dei tumori con una giusta alimentazione, ricca di fibre e povera di grassi. Quindi via libera ai cereali, ai legumi, alla frutta e alla verdura.

Malattie cardiovascolari. Chi sceglie una dieta ricca di fibre, di frutta, di verdura e di legumi può ridurre al minimo il rischio di arteriosclerosi, colesterolo alto e malattie cardiovascolari in genere.

Diabete mellito e obesità, osteoporosi e Parkison. Si tratta di altre patologie piuttosto note e comuni di questi tempi che potrebbero essere ridotte scegliendo un’alimentazione povera di grassi e ricca di verdura, frutta, legumi e calcio, e riducendo al minimo il consumo di caffeina, alcool. Importante inoltre dire no al fumo e sì a qualsiasi forma di attività fisica.

I contro di una dieta vegetariana e vegana

Esistono anche i contro, specie se la dieta che si segue è male equilibrata.

Carenza di ferro e proteine.È uno dei pericoli maggiori, specie quando la dieta è mal equilibrata. Il pericolo principale è quello relativo alle anemie.

Carenza di calcio, vitamina D e vitamina B12. Anche in questo caso una dieta vegana e vegetariana male equilibrate possono causare carenze di questi nutrienti fondamentali, la cui assenza può comportare anemie, vertigini, difficoltà di concentrazione, perdita della memoria e debolezza.

Chiunque sceglie di seguire una dieta vegetariana o vegana è bene segua corsi di formazione in nutrizione o si affidi ad un buon consulente nutrizionale.

GDA, dosi giornaliere e fabbisogno energetico

L’argomento interessa chiunque, sia chi è interessato a mantenere la propria forma fisica, sia chi è interessato a ritrovarla. Ma cosa sono questi GDA?

Le dosi giornaliere di riferimento. L’acronimo GDA sta per Guideline Daily Amounts, per dirla in italiano si tratta dei valori giornalieri di riferimento, ossia le dosi che si consiglia di consumare giornalmente di un determinato alimento per mantenere un buono stato di salute.

Consapevolezza prima di tutto. È  capitato a tutti di intravedere sulle etichette di un qualsiasi alimento il termine GDA. Si tratta di dati che le industrie alimentari scelgono di fornire al consumatore per regalare una maggiore consapevolezza relativamente al prodotto che si accinge a consumare. I dati di riferimento sono tratti da linee guida governative europee ed internazionali, a loro volta basate su dati scientifici di moderna pubblicazione. Il problema è che fra i vari sistemi utilizzabili esistono differenze piuttosto ampie e dunque anche i dati indicati per uno stesso prodotto possono mostrare varianti anche ampie in base all’azienda produttrice.

Tenere d’occhio le calorie e alcune patologie. Per quanto non tutti ci prestino attenzione le GDA possono dimostrarsi anche piuttosto utili: danno manforte a chi desidera tenere sotto controllo le calorie ingerite, e aiutano ad allontanare il rischio di contrarre alcune patologie legate all’alimentazione. Non è un caso infatti che le GDA siano disponibili per le calorie (energia fornita dagli alimenti), per i grassi, i grassi saturi, gli zuccheri e sodio.

GDA nel concreto. Come utilizzare concretamente questi dati tanto preziosi? Chi fa la spesa per la famiglia è bene che ne tenga conto. Se ad esempio si sta cercando di tenere sotto controllo il consumo di sale, le GDA possono aiutare a scegliere tra due prodotti diversi. Chi invece ha deciso di seguire una dieta ipocalorica potrebbe, dando uno sguardo alle GDA, scegliere il prodotto migliore per la propria situazione.

Questi dati legati a quelli che è possibile acquisire seguendo corsi di formazione in nutrizione aiuteranno certamente a seguire una dieta giornaliera equilibrata e sana.

Alimentazione: i segreti per una vita sana

Sono pochi e facili da seguire: si tratta dei segreti per una buona alimentazione in grado di garantire una vita sana e felice. Scopriamoli insieme.

Il giusto apporto calorico. Diversamente da come si ritiene, l’apporto calorico deve essere suddiviso secondo un ordine ben preciso durante tutta la giornata. Supponendo che il consumo debba essere di 2000 calorie giornaliere, il consiglio è quello di consumarne circa 400 - 500 a colazione, altrettante a pranzo e a cena. Le rimanenti dovranno essere ben distribuite fra gli spuntini di mezza mattina e mezzo pomeriggio.

I pasti giornalieri. Sono principalmente tre: la colazione, il pranzo e la cena. A questi si aggiungono gli spuntini della metà mattina e della metà pomeriggio per un totale di 5 pasti. In questo modo si consentirà  al proprio metabolismo di lavorare in maniera equilibratamente durante tutta la giornata.

Varietà prima di tutto. Il segreto per una buona alimentazione è custodito nella regola della varietà visto che ogni alimento contiene qualità proprie indispensabili all’organismo. Per questo è sempre bene mangiare alimenti diversi in modo che l’alimentazione sia non solo completa ma pure bilanciata.

Da evitare. Non esistono alimenti che in assoluto non devono essere mai consumati, esistono però alimenti che vanno inseriti nella propria dieta quotidiana con parsimonia. Il cioccolato e i suoi derivati ad esempio non devono essere completamente banditi dalla dieta, ma consumati di tanto in tanto, esattamente come i fritti. Molto meglio puntare sulle fibre, sulla frutta, sul latte, yogurt e formaggi, ma anche carne e pesce.

L’errore comune. Normalmente si tende a sottovalutare l’importanza di una giusta idratazione. Si tratta di un’abitudine sbagliata visto che, il nostro corpo, costituito circa per il 60% di acqua, necessita che il prezioso liquido venga ingerito quotidianamente in grosse quantità. Si stima che il fabbisogno quotidiano di un adulto si aggiri intorno  ai 2,5 litri da assimilare non solo con bevande ma anche con alimenti.

Per approfondire le proprie conoscenze il consiglio è quello di seguire Master di formazione in Nutrizione Umana: l’importante è che vengano proposti da istituti di formazione seri e professionali. come quelli organizzati da Nutrifor sotto la direzione scientifica dei Professori Fabio Galvano e Giovanni Scapagnini

Esperti in nutrizione: una professione seria

Non è una novità, sfoggiare un bel fisico piace tanto quanto riempire il piatto di succulente specialità gastronomiche. Peccato che non sempre le due cose vadano a braccetto. Sarà per questo che specie dopo le feste natalizie e poco prima della prova costume salta fuori un vero e proprio esercito di nutrizionisti, esperti della nutrizione, coach dell’alimentazione. Non si tratta solo di professioni dai nomi improbabili, spesso e volentieri ci troviamo davanti a qualifiche altisonanti dietro le quali si nasconde esclusivamente incompetenza.

Sarà per questo che, disorientata e dubbiosa, la clientela che comunemente si rivolge agli esperti della buona nutrizione inizia a diffidare di chi opera in questo settore. L’improvvisazione d’altronde alla lunga salta all’occhio. Chi necessita di un esperto in nutrizione oggi cerca professionalità e qualifiche che è possibile accumulare esclusivamente affidandosi a percorsi di studio seri e a centri di formazione a cinque stelle. Seguire un Master in Nutrizione Umana organizzato dalla Nutrifor è un modo piuttosto efficace per acquisire competenze e conoscenze in fatto di nutrizione e buona alimentazione. Le lezioni sono tenute da specialisti del settore, e alla teoria viene affiancata la pratica professionale, per offrire alla fine del percorso formativo una qualifica che garantisce conoscenza della materia, passione e professionalità.

Niente di più lontano da chi propone diete assurde: dieta dissociata, dieta dell’ananas, del digiuno, del minestrone, del limone e del sale. Ogni giorno se ne sente una nuova, spesso in grado sì di far perdere peso molto rapidamente, ma causa di forte stress per il fisico e motivo dei successivi pesanti aumenti di peso. Partecipare al Master in Nutrizione Umana – Consulente Nutrizionale promosso dalla Nutrifor significa allontanarsi da questa mentalità, e regalare una visione dell’alimentazione quotidiana sana, salutare e genuina.

Istituto Superiore di Sanità - 1 Novembre 2013

Alcol e Cancro: Evidenze Scientifiche

Decalogo Utilizzo Integatori - 05/08/13

Ministero della Salute: Il DECALOGO!

Ruolo della Termogenesi adattiva nel Calo Ponderale

Aggiornamento Termigenesi 16/06/2013

Lo Iodio in Graviganza

06/06/13. Lo studio approfindisce l'importanza di verificare i livelli di Iodio in Gravidanza!

Rapporti ISTSAN

3/06/2013 "Modelli per la Valutazione rischio/beneficio in sicurezza alimentare"

Dieta Mediterranea, 28/05/2013

Ecco perchè è il miglior elisir di lunga vita....

Diete Iperproteiche

Roma, 10/05/2013 Diete Iperproteiche: Facciamo il Punto!

FeSIN - Glossario Alimentazione e Nutrizione Umana

Scarica IL Glossario FeSIN

Alimentazione e Nutrizione UMANA!

LARN 2012

Scarica l'Aggiornamento LARN 2012!!

Livelli di Assunzione di Nutrienti ed Energia

Fondamentale per i professionisti

della Nutrizione!!

Dietary intake in clients with chronic wounds.

Can J Diet Pract Res. 2011 Summer;72(2):77-82. doi: 10.3148/72.2.2011.77.

Dietary intake in clients with chronic wounds.

Wojcik AAtkins MMager DR.

Source
Alberta Health Services, Edmonton.

Abstract
To assess relationships among food intake, anthropometrics, and wound severity, we studied 31 home care clients with pressure ulcers (PUs) or venous stasis ulcers (VSUs). Anthropometric variables (weight, height, waist circumference [WC]) were measured according to standard methodologies. Risk for PU development was assessed using the Braden Pressure Ulcer Risk Assessment score and wound severity according to the National Pressure Ulcer Advisory Panel. Three-day food records were analyzed to assess dietary adequacy. Adults with VSUs (65.8 ± 18.4 years) had a higher body mass index (48.1 vs. 25.9), WC (146.6 vs. 98.4 cm), and Braden score (20.2 vs. 17.5) than did those with PUs (67.8 ± 17.9 years) (p <0.05). Energy, protein, and zinc intake by diet alone did not meet estimated requirements in 41%, 32%, and 54.5% of clients, respectively. Intake by diet alone met the Estimated Average Requirement/Adequate Intake for all nutrients except fibre, vitamin D, vitamin E, vitamin K, folate, calcium, magnesium, and potassium. Nutrient supplementation resolved this for all nutrients except fibre, vitamin K, and potassium. In multivariate analysis, increasing wound severity was associated with decreased intakes of vitamin A, vitamin K, magnesium, and protein (r2=0.90, p<0.001). Optimizing nutrient intake may be an important strategy to promote wound healing and decrease wound severity in home care clients with chronic wounds.

Noci e nocciole per i diabetici

Consumando circa 60 grammi al giorno di frutta secca in sostituzione dei carboidrati si possono tenere sotto controllo la glicemia e il quadro lipidico.


Alla conclusione sono arrivati alcuni ricercatori dell’Università di Toronto (Canada) che hanno studiato 117 pazienti diabetici di tipo 2, suddividendoli in 3 gruppi. Oltre alla dieta abituale il primo gruppo riceveva un piccolo pasto supplementare a base di muffin (dolcetti tipici americani), il secondo riceveva una miscela di noci, nocciole, mandorle, pistacchi, arachidi, anacardi, noccioline americane, e il terzo gruppo, un misto di muffin e nocciole.

Il follow-up durava 3 settimane.

Al termine dell’osservazione si è dimostrato che, i livelli plasmatici di HbA1C del gruppo che riceveva la sola miscela di frutta secca, erano significativamente diminuiti e lo stesso valeva per il colesterolo LDL.

Gli autori suggeriscono, dunque, il consumo di noci e nocciole quotidianamente, come supplementi benefici nelle diete dei diabetici di tipo 2 .

Fonte:
Nuts may help prevent diabetes, suggests study

Fonte:
nutraingredients.com

Più sazietà con la cicoria

L’oligofruttosio, estratto dalle radici di cicoria, sarebbe in grado di indurre il senso di sazietà riducendo la densità energetica della dieta.


L’oligofruttosio, estratto dalle radici di cicoria, sarebbe in grado di indurre il senso di sazietà riducendo la densità energetica della dieta. È il risultato di uno studio condotto su 10 volontari sani, che per 13 giorni ricevevano un supplemento di oligofruttosio (5-8 grammi), o una pari quantità di placebo.

L’oligofruttosio, com’è noto, non è scisso dal processo enzimatico digestivo e pertanto svolge gli stessi effetti della fibra dietetica.

L’estratto di radice di cicoria, inoltre, è anche la fonte principale d’inulina, una fibra a sua volta presente in molti alimenti dietetici, come sostituto di zuccheri e grassi. Al momento dell’arruolamento e dopo 13 giorni a tutti i partecipanti veniva misurata la densità energetica della dieta.

I soggetti che assumevano il supplemento nella quantità più elevata mostravano una riduzione dell’intake energetico quotidiano del 10% rispetto a chi assumeva il placebo.

Inoltre, mostravano valori superiori negli ormoni della sazietà, quali il PYY e il GLP-1.

Sebbene non sia stato possibile dimostrare una riduzione del peso corporeo, data la breve durata dell’esperimento, gli autori ritengono che nel lungo termine la supplementazione di oligofruttosio avrebbe potuto favorire la perdita di peso.

Fonte:

Chicory root fibre could trigger weight loss, finds new research

DICONO DI NOI...

NUTRIFORUM

CERCA

Informativa: questo sito utilizza cookie, web beacon e altre tecnologie simili, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con la tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie, web beacon e altre tecnologie simili.

Accetto i cookie da questo sito.